Byrne & Barnes - An Eye For An Eye (1981 , Climax)


Nonostante l’insuccesso di un capolavoro come “Blame It On The Night“ del 1979 che la Mercury tolse dal proprio catalogo sei mesi dopo la pubblicazione, Robert Byrne, insieme al polistrumentista Brandon Barnes, registra sempre ai Muscle Shoes Alabama questo disco  pubblicato solo in Giappone nel dicembre 1981. E' un lavoro affascinante ed originale.  Non si sa come prenderle queste canzoni, potrebbero avere la forza sontuosa degli Steely Dan e nello stesso tempo sembrare il punto d’incontro tra England Dan & John Ford Coley e i Doobie Brothers. Sono canzoni profonde, hanno una fisionomia precisa eppure sono sfuggenti, sembrano veloci quando sono lente, vestono alla grande la forza del soul, ma potrebbero essere divise ben stirate con ricami jazzy. Ogni brano qui incluso è carico di affinità elettive, di piccoli segni , di coincidenze che esaltano la scrittura più ricca dell’A.O.R. La facilità con cui emergono dal nulla brani di portata passionale è inquietante: " One More Try for Love” soffice ballad ripresa poi dalla cantante country Crystal Gayle nel 1987, “ Keep On Running “ mezzo tempo raffinato soul-jazz, “ Be My Baby" dal refrain irresistibile interpretata da Johnny Rivers su " Borrowed Time" , " Right Trough The Heart" ripresa da Michael Johnson in "You Can Call Me Blue" . Tutto senza sbavature, evitando di confinare troppo col marchio Steely Dan, ma agendo sulla cultura dei suoni come nelle straordinarie “ I'll Try A Little Everyday For You “ e “ Standby Lover “. In questa ristampa giapponese uscita con copertina diversa dall’originale vi sono due bonus tracks reincise in secondo tempo in quanto i nastri originali furono distrutti da un incendio : “ That’s The Way She Goes “ e “ Who’s That Look In Your Eye “ , quest’ultima la possiamo rintracciare in una bella versione di Rick Bowles su “ No Man’s Land “ del 1984 prodotto dallo stesso Byrne. Dopo questo album le strade dei sue si divisero , Robert Byrne continuò la carriera di autore e produttore mentre Barnes, dopo anni di anonimato, si fece apprezzare come produttore ed autore per Brian McKnight.

Mauro Ronconi







Producers: Clayton Ivey and Terry Woodford

Musicians:
Guitars: Robert Byrne, John Willis, Jerry Wallace
Synthesizer: Brandon Barnes, Randy McCormick
Bass: Brandon Barnes, Lenny LeBlanc
Drums: Brandon Barnes, Roger Clark, Milton Sledge
Piano and Organ: Clayton Ivey
Percussion: Mickey Buckins
Sax: Jim Horn
Trumpet: Buddy Barnes
Lead Vocals: Robert Byrne
Background Vocals: Robert Byrne, Brandon Barnes, Herthey Reeves

Tracks: 1. Never gonna stop lovin' you 2. One more try for love 3. Love you out of your mind 4. I'll try a little every day for you 5. Crack the whip 6. Stanby lover 7. Keep on running 8. Making love for the first time 9. Be my baby 10. An eye for an eye 11. Right through the heart






Spoiler :
http://mir.cr/1T2PLJBX
pass: sergingus

Sergio Ronconi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nulla at justo quam. Nulla sed quam pulvinar, sollicitudin nibh eget, pulvinar tellus. Curabitur in massa at velit porta fermentum. 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Instagram